MAFIA

E’ difficile, oggi, dire cosa sia realmente la mafia più di quanto non lo fosse in passato, quando ne sapevano così poco che per definirla era forse sufficiente dire che era un’organizzazione criminale siciliana il cui scopo era quello di far quattrini attraverso il racket dalle estorsioni, lo spaccio di droga, la prostituzione, gli appalti truccati e altre vicende del genere. Oggi ne sappiamo molto di più ma ci rendiamo conto che è eccessivo continuare a definirla in maniera così riduttiva e ancora troppo poco per poterla definire in maniera assoluta o almeno con sufficiente attendibilità. Quale definizione possiamo oggettivamente dare alla mafia, se non che la medesima coincida sostanzialmente con la stessa società nazionale che paradossalmente la combatte? Pertanto, se un uomo come Andreotti, che per anni è stato Primo Ministro e che rappresentava il simbolo dello Stato italiano, viene accusato di essere referente politico di Cosa Nostra, anche se in seguito è stato assolto, cos’altro possono pensare i comuni cittadini se non che effettivamente la mafia non esista, o che quantomeno ne facciano lo stesso parte integrante, in qualità di elettori ottusi, di ministri, “onorevoli” e segretari di partiti che intascano tangenti, tutti consapevoli o inconsapevoli con un sistema sociale basato sulle raccomandazioni, sull’omertà ? Certo ci sono numerosi libri che illustrano la storia della mafia, i suoi tanti delitti, le stragi, la sua strutturazione: ma si tratta proprio di storia di mafia o non piuttosto di storia di comuni cittadini cresciuti in una società dove i valori erano totalmente distorti? La verità e che la storia della mafia italiana non è altro che la storia della nostra stessa società, edificata sulla prevaricazione e lo sfruttamento  dei deboli, sul principio della stratificazione e lo sfruttamento da parte dei potenti, sulla ripartizione in clan di appartenenza di ogni tipo, dalla politica (i partiti) alla massoneria, dalle cosche criminali ai club sportivi… Ma chi dobbiamo ringraziare se oggi abbiamo tutte queste notizie su questo fenomeno? Tra i molti, Falcone e Borsellino, il generala Dalla Chiesa sono stati quelli che hanno stanato questa piovra grazie alla loro abilità, sempre costanti e imperturbabili, e mattone dopo mattone hanno costituito un vero e proprio muro per indebolirla. Purtroppo hanno pagato con la vita.

Annaré Lamacchia Scuola Secondaria di 1^ grado “Michelangelo” Bari classe 3^ B

15 voti totali
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account