AL CONVEGNO SUL TABAGISMO


Sigarette consumate e lanciate ai bordi dei marciapiedi mentre, lentamente, si spengono. Ragazzi che, nell’ombra della sera, fanno brillare la fiamma di un accendino e boccette di profumo e chewingums nelle borse, per attenuare l’odore acre del tabacco.

Questi sono solo alcuni degli atteggiamenti che indicano quanto sia ampia la diffusione del “vizio” del fumo: in Italia e in Europa, infatti, si è registrato un aumento soprattutto tra i giovanissimi e tra le donne. Si tratta di un’abitudine difficilmente depennabile e nociva, al punto da causare l’insorgere di circa 1000 nuovi casi di cancro, oltre a circa 363.000 nuove diagnosi di tumore, soprattutto  al polmone.

Ed è proprio tra le spirali di fumo, che opacizzano le strade cittadine, che l’avv. Luigi Miranda, Presidente del Comune di Foggia, si è mostrato determinato a fare chiarezza.

Il 2 dicembre, dunque, nell’Aula Magna  “L. Scillitani”  del Liceo Classico  “V. Lanza” di Foggia ha avuto luogo la nuova iniziativa dell’Associazione Qualità della Vita, di cui Miranda è il presidente.

Al convegno,  dal titolo  “MENO FUMO, PIU’ VIVO”, hanno preso parte: Francesco Sollitto,  Direttore Chirurgia Toracica, Università degli Studi di Foggia, Maria Pia Foschino: Capo Dipartimento Struttura complessa Malattie dell’apparato respiratorio OO.RR. Foggia, Costanzo Natale: Primario, Chirurgo OO.RR. e Mimmo Di Molfetta, delegato CONI provincia di Foggia.

I relatori, innanzi a un pubblico composito, perché formato da studenti tra i 12 e 18 anni (la  3 ^ O della scuola media Bovio, gli Istituti superiori Pascal e Pacinotti, i Licei Perugini, Lanza e Marconi), hanno esposto la gravità del fenomeno: si sono soffermati, infatti, sull’atteggiamento di tanti ragazzi che, pur  svolgendo molto sport e seguendo una buona alimentazione, al fine di ottenere una forma fisica impeccabile, continuano a fumare.

Alcuni di loro – ha detto Miranda – affermano di ricorrere a  sigarette “light”; sostengono, dunque,  che il prodotto sia meno pericoloso in quanto più “leggero” . La loro, in realtà, è solo un’illusione: il fumo provoca danni in ogni caso.

Sono state organizzate numerose campagne antifumo ma, ogni volta, non hanno prodotto risultati significativi; anzi, sembra che i fumatori siano aumentati.

I protagonisti dell’ultima parte del convegno sono stati i ragazzi: hanno rivolto, infatti, domande ai relatori. Questi, nel soddisfare i loro dubbi, si sono preoccupati di trasmettere un messaggio fondamentale: “Abbiate cura di voi stessi e della vostra vita: non fumate!”.

E, per una volta, a diffondersi non è stato il fumo, bensì uno scroscio di applausi.

 

Classe 3^ sez. O

0 voti totali
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account