Sicurezza sul lavoro nelle scuole

Il 22 novembre è la data istituzionale nella quale viene celebrata la “Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole” che ricorre nella data dell’anniversario del crollo avvenuto nel 2008 al liceo Darwin di Rivoli (TO) che costò la vita a un ragazzo di 17 anni.
I dati dell’Inail sugli infortuni denunciati nel 2015 per gli studenti delle scuole pubbliche statali confermano l’andamento decrescente ripreso nel 2014, dopo l’interruzione registrata nel 2013. Mediamente negli ultimi anni, sono stati circa 85.000 i casi di denunce e di infortuni all’anno avvenuti nelle scuole, specialmente nel Nord Italia, dal momento che solo una scuola su cinque arriva alla sufficienza in tema di sicurezza.
La sicurezza sul lavoro è regolata dal Decreto Legislativo n.81 del 2008 che si applica anche nel mondo delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado nelle quali il datore di lavoro, identificabile con il dirigente scolastico che ha l’obbligo di valutare i rischi e nominare gli addetti, è in primo piano , seguito dai docenti che hanno il ruolo di preposti in quanto figure deputate al controllo e alla sorveglianze delle attività scolastiche e dai lavoratori. Mentre la figura del responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP) può essere ricoperta da un consulente esterno, il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS) deve essere nominato tra i docenti o tra gli impiegati come anche gli addetti alle squadre di emergenza.
Nei campi della salute e sicurezza, le scuole sono chiamate a svolgere un duplice ruolo: garantire la sicurezza degli alunni e del personale scolastico e costruire la cultura dei più giovani su tali temi.
Affinché gli studenti siano tutelati le famiglie degli stessi sottoscrivono una polizza assicurativa compresa nel contributo volontario versato ad inizio anno scolastico.
Le tipologie dei rischi riscontrabili all’interno di una scuola sono quelli infrastrutturali e relativi alla classificazione del rischio di incendio, all’uso di videoterminali o a cadute accidentali. Ove sono presenti dei laboratori bisogna tener conto anche del rischio chimico e biologico.
Per prevenire i rischi, per affrontarli e ridurli, il personale della scuola è sottoposto periodicamente alla formazione resa obbligatoria attraverso un corso di aggiornamento per lavoratori in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro, mentre gli studenti eseguono periodiche, documentate e frequenti prove di evacuazione.

Arianna Buccoliero, classe II A LST – I.I.S.S.”Del Prete-Falcone” – Sava (TA)

32 voti totali
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account