Il naufragar le è dolce in questo mare?

Il termine Brexit indica l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, sancita dal referendum che si è svolto lo scorso 23 Giugno 2016. Quel giorno il 51,9% dei cittadini britannici favorevoli al “Leave” si è espresso votando “Sì”, sperando in una svolta decisiva del Paese. L’uscita dall’UE non è immediata (art. 50 del Trattato UE). Inoltre, l’Alta Corte di Giustizia di Londra ha sentenziato che la Brexit entrerà in vigore solo se il Parlamento britannico darà la sua approvazione. Dunque la natura consultiva del referendum non vincola il governo a seguire il parere espresso dai cittadini.

Le motivazioni di questa scelta riguardano l’elevato grado di insoddisfazione del popolo nei confronti delle attività dei banchieri e dei grandi imprenditori che gestivano le finanze comunitarie ed extracomunitarie. Nonostante questa sia ritenuta la causa preponderante, nel Regno Unito circolano altre motivazioni minori o infondate, quali l’incremento smisurato del potere dell’UE a discapito della monarchia anglosassone e l’aumento degli stranieri nel Paese – verificatosi nel 2008 a seguito della crisi – che avrebbero  potuto sottrarre il lavoro agli inglesi riducendo i servizi pubblici e gli stipendi.

In primo luogo, la Brexit ha comportato le dimissioni dell’ex primo ministro David Cameron il quale a tal proposito ha affermato: “Non credo che sarebbe giusto per me cercare di essere il capitano che guida il nostro Paese verso la sua prossima destinazione”.
In seconda istanza, si è registrato un crollo del valore monetario che ha portato la sterlina a ribassi continui fino ad ottenere uno dei valori più bassi dal 1985 pari a 1,15.

Sebbene questa manovra appaia antitetica alla politica di coesione dell’UE, non c’è da sorprendersi, poiché il Regno Unito ha sempre agito in maniera non conforme alle regole valide per le altre nazioni europee; ne è esempio il mantenimento della propria valuta avvenuto nel 2002.

Ai posteri l’ardua sentenza: dove attraccherà la Gran Bretagna?

Rociola Isabella 4H

6 voti totali
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account