UN DIRITTO DEI LAVORATORI. La sicurezza non è cosa da poco

Cos’ è la morte bianca? Si utilizza l’aggettivo bianca perché in realtà non c’è un vero responsabile dell’accaduto e indica la morte sul lavoro, molti sono i lavoratori che hanno perso la vita sia per la mancata sicurezza presente in quei luoghi sia per qualche futile disattenzione. Si è soliti affermare che rispettare le regole è cosa buona ma non tutti la pensano così, molti datori di lavoro pensano che risparmiare sia meglio di dare sicurezza ai propri impiegati cosa del tutto sbagliata, la vita di un uomo vale molto di più di un gruzzolo di quattrini guadagnati illegalmente rischiando la vita di persone innocenti. Il Decreto Legislativo numero 81 dell’aprile del 2008 tratta l’argomento della Sicurezza sul Lavoro poi soprannominato TUSL, le norme contenute all’interno devono essere rispettate da tutti i settori, sia pubblici che privati. Il datore di lavoro è tenuto ad organizzare ed a salvaguardare la salute dei lavoratori eliminando o cercando di eliminare i rischi presenti sul luogo di lavoro che potrebbero danneggiare la salute. Gli stessi lavoratori devono rispettare le norme antinfortunistiche che prevedono l’uso di materiale lavorativo adatto al posto di lavoro che si sta considerando e che possa alleviare o per lo meno ridurre i danni. Ogni lavoratore ha il diritto ad essere informato sui rischi del proprio lavoro e ad accettare o meno l’impiego, ma ha anche degli obblighi che vengono espressi nell’articolo 20 dell’81/2008 –“ Ciascun lavoratore deve prendersi cura della propria sicurezza e della propria salute e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro, su cui possono ricadere gli effetti delle sue azioni o omissioni, conformemente alla sua formazione ed alle intenzioni e ai mezzi forniti dal datore di lavoro”.

Silvia SAPONARA classe III B cat plesso Anelli Castellana Grotte

1 voti totali
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account