MOONLIGHT

Moonlight, vincitore di tre premi Oscar – tra cui quello come miglior film – riesce in un paio d’ore a raccontare diversi tipi di discriminazione e a descriverne le terribili conseguenze. La pellicola è incentrata su tre periodi della vita di Chiron – un ragazzo omosessuale nato nel quartiere nero di Miami (Liberty City) -, più precisamente l’infanzia, l’adolescenza e l’inizio dell’età adulta.

Le principali tipologie di discriminazione che questo film affronta riguardano  la segregazione razziale, l’orientamento sessuale e il rifiuto familiare. Per descriverle Barry Jenkins, regista e sceneggiatore del film, si serve di linguaggi differenti: Ricorre all’utilizzo di alcuni vocaboli, tipici della cultura afroamericana e alla presenza di soli attori di colore, per individuare il tema della segregazione razziale.

Nell’uso della violenza, sia verbale che fisica, da parte dei suoi coetanei si identifica la discriminazione per il suo orientamento sessuale.

Il gioco di sguardi fra Chiron e i suoi familiari, quasi sempre truci, in luoghi bui o poco illuminati, esprimono il rifiuto della madre di accettare la “diversità” del proprio  figlio.

L’utilizzo della telecamera a spalla- la quale rende la ripresa sempre instabile– è una soluzione capace di trasportare lo spettatore in uno stato ancora più angosciante, riuscendo nell’intento di immedesimazione nel personaggio.

Moonlight è un  film che trasmette delle sensazioni forti e riesce a veicolare un messaggio  che per molti non è ancora del tutto scontato.

Arcangelo Peconio IV C

Liceo Scientifico Statale Enrico Fermi – Bari

8 voti totali
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account