CONVIVERE CON L’ILVA

Del fattore inquinante nell’area tarantina se ne parla da tantissimo tempo, fino ai recenti avvenimenti giudiziari che hanno causato, purtroppo,  la chiusura di alcuni reparti produttivi e la riduzione numerica di personale. 

La presenza di un’industria  siderurgica e di una raffineria non può che portare problemi alla salute  e alla qualità della vita dei cittadini, ma anche alle attività commerciali come la pesca, l’allevamento e il turismo. La popolazione di Taranto, però, si trova di fronte ad una scelta: “diritto al lavoro o diritto alla salute?” La contaminazione di aria, acqua, suolo, contribuiscono all’insorgere di malattie, come tumori e leucemie che colpiscono sempre più frequentemente bambini. Malattie difficili da combattere anche per la mancanza di un polo oncologico pediatrico nella nostra città. Ci piacerebbe che si investisse per la rinascita della nostra meravigliosa città. Vorremmo che questo problema fosse, una volta per tutte, risolto operando le bonifiche necessarie per l’ambiente, migliorando la sicurezza nei reparti dove si produce acciaio e garantendo e assicurando “lavoro pulito” per tutti i cittadini tarantini che vorrebbero continuare a vivere la loro città e a non abbandonarla per paura di morire.

CLASSE II H

8 voti totali
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account