Pendolari e disagi: cronaca di una giornata qualunque

Noicattaro. Ore 7:40 di martedì 18 ottobre 2016: treno FSE per Putignano-Martina in arrivo sul secondo binario. Folti gruppi di studenti si accalcano lungo la stazione ferroviaria, concentrati sull’incipiente giornata scolastica. Dopo quindici minuti di attesa un senso di frustrazione mista ad ansia comincia ad insinuarsi tra i pendolari: si prospetta l’ennesimo ritardo. Passa un’ora e il treno arriva. Si parte, pur stipati in pochi metri quadrati a rischio della propria incolumità, ma a Rutigliano un nuovo intoppo costringe tutti a cambiare mezzo. Alcuni pendolari decidono di ricorrere a mezzi personali chiamando parenti o amici. Nel frattempo il nuovo treno si ferma per ben tre volte lungo il percorso, pertanto si decide di informare i professori. Alle 10.00, sul finire della seconda ora di lezione, a Conversano gli studenti varcano finalmente l’ingresso delle loro scuole, sfiancati e delusi, costretti a giustificare un ennesimo ingresso in ritardo “causa ritardo mezzi”. Secondo il regolamento del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 ottobre 2007, ciascun mezzo pubblico deve garantire igiene, sicurezza, attenzione verso la disabilità, regolarità degli orari, servizi alternativi in caso di eventuali disagi, presenza costante del personale, ma l’esperienza degli studenti pendolari non depone a favore delle FSE. Dello stesso parere è il dirigente scolastico del liceo San Benedetto, Raffaele Mazzelli, che ha sollevato più volte la questione in vari incontri con i d

le ferrovie sud-est. una giornata da pendolari

le ferrovie sud-est. una giornata da pendolari

irigenti delle FSE, i quali gli hanno assicurato interventi immediati. Oggi possiamo affermare che è possibile rilevare alcuni elementi di miglioramento nella sicurezza dei  mezzi e nel rispetto degli orari e certamente tutti gli studenti pendolari sono fiduciosi per il futuro, nella certezza che un efficiente servizio di trasporto pubblico rappresenti per loro anche garanzia e tutela del diritto allo studio, come sancito dalla nostra Costituzione.

classe IC L – classe ID SU

 

 

33 voti totali
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account