Il disastro che sono

Percorro corridoi

vuoti della scuola.

Mi soffermo

sulla mia aula,

la porta aperta,

brulica

di ragazzi adolescenti.

Occhi vispi

e luminosi,

braccia attorno a spalle

di qualcun altro,

bocca aperta

in una grande risata,

e…

dito

puntato su

di me.

Rimbombano

insulti nella mia mente,

penetrano

offese

dentro di me,

schiaffeggiano

suoni l’anima.

Quaderni e penne

mi sfiorano

il viso,

parole sprezzanti

mi trafiggono

il corpo.

Risate agghiaccianti

echeggiano nella mia testa,

lacrime mi  rigano il volto.

Mi siedo

e osservo felpe e  scarpe   degli altri.

Affondo

nel disastro

che sono

e che nessuno

mai//

potrà comprendere.

Alice Epifani 3 L

5 voti totali
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724 - Privacy Policy
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account