Peer Education: un bene per gli altri

Tra fine novembre e metà dicembre, con grande entusiasmo, noi, alunni della classe 2^D, abbiamo preso parte ad un Progetto, promosso dal Municipio 2, finalizzato a sensibilizzare al tema dei bisogni educativi degli adolescenti. Il progetto è stato articolato in diversi incontri, tenuti dal dottor Victor Laforgia e da altri suoi colleghi in orario scolastico, tutti incentrati su diversi temi relativi all’adolescenza. Sono stati affrontati infatti argomenti di grande interesse, quali: la socializzazione, la conquista dell’autonomia, il confronto con il mondo degli adulti, il bullismo, i rapporti interpersonali, i diritti e i doveri di noi ragazzi e il volontariato. Per partecipare alla prima fase, la nostra classe, insieme ad altre, è stata accolta nel centro di ascolto, dove ci è stato somministrato un questionario riguardante appunto i bisogni educativi degli adolescenti. Al di là del primo, i successivi incontri sono stati organizzati sotto forma di dibattito e di confronto di idee. Questo approccio è stato molto coinvolgente e ci ha fatto sentire parte di una discussione animata e ben guidata, in cui potevamo liberamente esprimere i nostri pensieri. Uno spazio aperto allo scambio di idee, ma anche ai sentimenti ed alle emozioni, che inevitabilmente,tramite il dialogo, sono stati sollecitati e tirati in ballo.Dopo questi primi momenti sono stati selezionati, per ogni  classe partecipante, alcuni aspiranti “peer educator” , per trattare diversi temi legati alla convivenza civile. Gli stessi sono stati in seguito formati per condividere quanto appreso con i propri compagni.L’ultimo passaggio ha visto la presenza in auditorium di tutti gli alunni di tutte le classi partecipanti al progetto, a cui i “neo-formatori” hanno presentato l’argomento relativo al volontariato, in maniera e con strumenti didattici diversi. La diversità dei lavori ha reso il tema ancora più interessante e ha dato a noi alunni la possibilità di trasformarci in peer educator per un giorno.Eravamo emozionatissimi, il nostro gruppo inoltre è stato il primo ad esporre, tramite un video ed un power-point, l’argomento. Inutile dire che l’ansia era molta. Avevamo tutti tanta paura di non dare il meglio di noi, ma alla fine con il sostegno dei nostri compagni ci siamo riusciti.

 

Barile Adriano, Bonato Gabriele, Di Giacomo Francesca, Lubello Silvia, Sorrenti Giulio 2^D

2
2 voti totali
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account