UN MARE DI PLASTICA

Ogni anno, almeno 8 milioni di tonnellate di plastica finisce in mare. La possiamo trovare sia sotto forma di macro che di microplastica la quale inevitabilmente viene a contatto con esseri viventi acquatici e non, diventando causa di gravi conseguenze per la salute e l’ambiente. A quanto pare il Mediterraneo ne è pieno così come gli altri mari e oceani del mondo e a farne le spese sono soprattutto i suoi abitanti. I pesci, le tartarughe e le foche, rimanendo imbrigliati nei grossi pezzi di plastica, si feriscono o muoiono cercando di liberarsene. Se poi ne ingeriscono grossi pezzi, possono morire strangolandosi; se invece ne ingeriscono pezzi più piccoli, è sicuro che, una volta pescato quel pesce, la plastica finirà sulle nostre tavole. Siamo a rischio ogni volta che portiamo a tavola pescato dell’Adriatico perché è certo che l’ingestione di plastica, con tutte le sostanze chimiche presenti, è nociva per i pesci quanto per l’uomo che se ne nutre.  E’ necessario comprendere che se non si interviene tempestivamente o diminuendo il consumo di plastica o cercando di smaltirla nel modo corretto, tra diversi anni nei nostri mari ci sarà più spazzatura che flora e fauna marina. In questi casi è vitale sensibilizzare il più possibile istituzioni, cittadini e aziende al rispetto per il nostro ambiente che è sempre più inquinato e malridotto. La raccolta differenziata è vita per la nostra Terra e deve sempre essere fatta se non si vogliono deturpare

irrimediabilmente le nostre bellezze naturali e soprattutto se si vuole continuare a mangiare cibi sani che non contengano inquinanti.

FRANCESCO MARASCIULO 3G

 

13 voti totali
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724 - Privacy Policy
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account