Sale la tensione nel Salento. Gasdotto odiato anche dagli artisti

Il governo italiano ha stipulato un accordo con l’ azienda internazionale “Axpo”, aderendo al progetto Tap, un gasdotto sotterraneo che trasporta gas naturale per il fabbisogno energetico.  “Bene” potreste voi dire. No! Non è così. I pugliesi non sono impazziti se urlano “No Tap!”, essi rivendicano la difesa dell’ambiente, contro l’espianto degli ulivi dal tracciato del micro tunnel, non tollerando altro scempio di uliveti e vigneti già abbattuti per la Xylella. I salentini sanno che, danneggiando l’ambiente viene compromessoil turismo, fiore all’occhiello del territorio. I movimenti No -Tap vogliono dire basta! “Giù le mani”. Ad appoggiare il dissenso si sono schierati pure gli artisti che raccontano il mostro della struttura in modo fantasioso. Il loro Progetto “Oltremare” re – immagina la facciata di Corso Vespucci. In questo modo l’ Arte reagisce con un linguaggio di senso e pensiero critico.

Marta Orondini  e Andrea Giannotta 4ALS

0
0 voti totali
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account