Multe ai mendicanti. A Potenza un’ordinanza molto discussa.

 

(Pignola)- A Potenza il sindaco De Luca ha disposto un divieto e una multa per le  persone che chiedono l’elemosina davanti a supermercati, bar, ristoranti e  uffici pubblici. Questa decisione è stata molto discussa e criticata:  qualcuno è d’accordo, ma altre persone no. Alcune associazioni come Optì Pobà (squadra di calcio di terza categoria formata solo da immigrati), Caritas e Libera hanno tacciato tale gesto di razzismo. Il sindaco ha spiegato che questa ordinanza è stata fatta per fronteggiare vari gruppi criminali che sfruttano gli immigrati che fanno accattonaggio. De Luca, inoltre, intende contrastare l’accattonaggio invasivo e ostile verificatosi soprattutto nei confronti degli anziani davanti al cimitero di Potenza, come gli è stato segnalato da molti cittadini. Don Marcello Cozzi ha ribattuto affermando che la città è un luogo di accoglienza e non di rifiuto verso gli altri,  che loro arrivano qui senza un soldo e per la maggior parte dei casi vengono da Paesi in guerra per cercare lavoro e fortuna, che molto spesso non trovano, finendo così con il chiedere l’elemosina. Gli eventi che potrebbero aver indotto De Luca a prendere questa decisione sono un blitz della polizia e l’arresto di tre nigeriani per spaccio di droga a Discesa San Gerardo e una rissa all’Africa Shop (negozio di prodotti africani nel centro storico di Potenza, in via Mazzini), che aveva coinvolto i proprietari ed i clienti che non volevano pagare la merce acquistata. Inoltre ci sono stati i casi di alcune ragazze sfruttate dal racket e messe sulla strada  che si nascondevano in una comunità al Principe di Piemonte. Da aggiungere, le aggressioni verificatesi in vari luoghi, come quelle in Via Due Torri e a Rione Lucania. Per me la decisione del Sindaco potrebbe aiutare a contrastare le molestie, ma credo che non sia giusta nei confronti delle persone che sono sfruttate e costrette a mendicare.

Rocco Pio Primavera, 3 C

10
10 voti totali
Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account