Recupero e tutela della “memoria” nelle attività didattiche: Un pezzo d’arte chiede aiuto

Un antico pezzo d’arte abbandonato chiede aiuto! Si tratta dell’organo settecentesco (1732) del maestro  Carlo Sanarica Delle Grottaglie che giace inutilizzato da molti anni nella piccola Chiesa di S. Antonio da Padova (ex Convento dei Padri Riformati) di Minervino di Lecce. Rappresenta un antico e prezioso strumento le cui melodiose note non accompagnano più i canti ecclesiastici delle celebrazioni liturgiche, con grande dispiacere di tutti i fedeli della comunità che, con timida speranza, aspettano ancora che la perduta voce possa di nuovo cantare alle future generazioni.

Quella dell’organo è un’arte complessa e raffinata, strettamente connessa con le vicende storiche del tempo, i cui segreti venivano tramandati dai maestri organari di generazione in generazione. Oggi, purtroppo, è anche un’arte in parte dimenticata, ma per fortuna non ancora perduta, ragione per la quale gli alunni delle classi quinte e delle classi terze  della Scuola Primaria di Minervino di Lecce, come “sentinelle” del recupero, si sono prontamente attivati per coinvolgere gli organi competenti e riportare la preziosa opera agli antichi splendori.

La scuola Primaria del territorio, infatti, da molti anni, attiva progetti volti al recupero e  alla tutela dei beni culturali. Il desiderio di far conoscere il patrimonio storico locale, infatti, ha spinto gli studenti delle attuali classi quinte, a partecipare al Concorso Nazionale “Adotta un Monumento” indetto dalla Fondazione Napoli novantanove, con l’intento di tutelare il Dolmen preistorico “Li Scusi” mediante la valorizzazione del “Bene comune”. E’ stata un’esperienza straordinaria che ha permesso non solo di riscoprire un’opera d’arte vicina alla nostra realtà, ma anche di acquisire un metodo d’indagine in grado di individuare i monumenti che necessitano di intervento e di cure e di coglierne anche i segreti e la magia. E’ con lo stesso spirito che intendiamo intervenire per evitare che questo importante patrimonio locale, quale pezzo di storia della Puglia e del nostro territorio salentino, continui a marcire ancora sgangherato e dimenticato da tutti.

5A/B Primaria Minervino

1 voti totali
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724 - Privacy Policy
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account