SUPREME-ITALIA, LEGAL FAKE O MARCHIO CONTRAFFATTO?

È una continua diatriba quella dei marchi esteri contraffatti in Italia; Legal Fake o marchio contraffatto? La domanda sorge spontanea, ma chi ha ragione? Tra i casi più discussi abbiamo quello di Supreme-Italia, o Supreme Barletta per gli appassionati del marchio. Nel 2017 Supreme NYC ha denunciato per contraffazione il tanto conosciuto marchio italiano. Giocando sin dall’inizio con le basi del Legal Fake, la marca italiana ha avuto un grosso rilievo nel mercato degli indumenti con i corrispondenti Supreme Kids e Supreme-Italia. Ora, nel Tribunale di Milano, le due aziende si affrontano sul piano giudiziario, per chiudere definitivamente la questione sul presunto trend italiano contraffatto. La decisione del Tribunale conferma la contraffazione di merci da parte di Supreme Barletta. Le collaborazioni del Supreme “originale” con altri brand di rilievo come Nike, The North Face, Louis Vuitton e Stone Island, fanno capire che la notorietà del marchio sul piano internazionale si traduce in “riconoscibilità del segno” e toglie la supposizione del Legal Fake dai suoi corrispettivi italiani. Quindi dopo la vittoria del marchio Newyorkese, a Supreme Italia sono state confiscate più di 120.000 merci, nonostante ciò i legali di Supreme-Italia affermano che la questione non è ancora finita e che torneranno all’attacco. La Supreme è per la legge italiana troppo conosciuto per avere un omonimo.

Capuozzo  Angelo

Casella Flavio 2^ O

7
7 voti totali
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account