Il fenomemo Wonder

Da qualche mese, al cinema, tutti corrono a vedere Wonder: un film di successo, tratto dall’omonimo libro di R.J. Palacio e diretto da Stephen Chbosky, che ha fatto emozionare tutti, grandi e piccoli, per la sua trama.
Si tratta della storia di Auggie: un bambino nato con una grave deformità facciale, che ha sempre studiato a casa con sua madre ma, all’età di 10 anni, comincia a frequentare le scuole medie.
I problemi non tardano ad arrivare. Tutti i suoi compagni lo fissano e lo evitano, come se fosse un mostro, e non un bambino come tutti gli altri.
Ma grazie a Jack e Summer, Auggie scopre che non tutti sono come Julian, (il bullo che con continue offese perseguita Auggie), e finalmente si sente apprezzato da qualcun altro che non siano i suoi familiari.
Un film ricco di messaggi, per noi tutti.
“Dobbiamo sempre essere gentili. Perché ognuno combatte una propria guerra”. Questo è ciò che recita il nostro piccolo protagonista. A volte facciamo del male senza rendersene conto, escludendo o giudicando alle spalle una persona che ha solo bisogno di affetto. Trattiamo come mostri le persone disabili, senza sapere che i veri mostri siamo noi. Si parla tanto di barriere architettoniche, ma le vere barriere sono nei nostri cuori e nei nostri sguardi: siamo noi a decidere in che modo guardare una persona, noi che decidiamo se dare più importanza alla superficie o alla vera sostanza di una persona.
Perché ciò che si è fuori, non rispecchia ciò che si è dentro.
E basta solo guardare, non vedere, una persona, per scoprire i suoi tesori nascosti.
Lucia Di Gennaro 3O

1
1 voti totali
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account