Le dipendenze

Provare a spiegare perché la gente si droghi è molto difficile perché possono esserci svariate motivazioni. Per esempio in Italia, nel 2017, su una popolazione studentesca pari a 640.000 il 25,9% ha assunto sostanze illegali. Nel 25,8% dei casi si è trattato di cannabis, nel 11% di SPICE (cannabis sintetica), nel 3,5% nuove sostanze psicoattive, nel 2,5% di cocaina e nel 1,1% di altri oppiacei. Siamo secondi in Europa per il consumo di cannabis tra i giovani. In Italia circa 30.000 ragazzi compresi tra i 15-19 anni hanno assunto sostanze stupefacenti. Le droghe più consumate nei giovani sono: cannabis, eroina, cocaina, metanfetamina ed ecstasy. Le motivazioni interne del perché questi studenti hanno assunto queste sostanze possono derivare dal fatto che: essi volessero solo provare sensazioni fuori dalla norma, essi avevano un carattere debole, oppure volevano sentirsi accettati all’interno di un ambiente sociale. L’iniziare a usare droghe può derivare anche da motivazioni esterne come delusioni di vario genere o dai rapporti con amici sbagliati o per seguire l’onda. Oppure i giovani, durante il periodo dell’adolescenza, si sentono oppressi dai genitori e dagli insegnanti e iniziano ad avere atteggiamenti trasgressivi con i quali si pensa di essere più grandi e questo può comportare l’assunzione di stupefacenti. Comunque, in tutti i casi, una volta iniziato ad assumere sostanze stupefacenti si innesca un meccanismo di dipendenza fisica perché il corpo si abitua ad assumerle ma anche psicologica perché il soggetto crede che senza la droga non c’è la farà più.  Inoltre la droga altera il funzionamento di varie aree cerebrali, in particolar modo quelle responsabili della memoria (a breve e lungo termine) e del ragionamento logico. Quando viene assunta in giovane età, pertanto, può influenzare il normale sviluppo del tessuto cerebrale e causare conseguenze che, in certi casi, possono essere anche irreversibili. La droga è un fenomeno che nei giovani si sta diffondendo per svariate ragioni, bisognerebbe prevenire quindi informare i giovani sui pericoli che essa comporta.

Luca Altini 3^ C

11
11 voti totali
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account