‘Antidotum Tarantulae’, la musica curativa 
500px-Die_Gartenlaube_(1879)_b_694_4

 

In passato, in Salento, con l’arrivo dell’estate, le donne iniziavano un estenuante lavoro nei campi: la raccolta del grano e del tabacco. L’afa toglieva il respiro, il sole “bruciava  i sassi” e le contadine continuavano a lavorare fino al tramonto. Poteva capitare che alcune venissero  morse dalla Taranta  cioè dalla Tarantola, un ragno velenoso.   Esse cadevano in preda a convulsioni, urlando frasi senza senso. Non c’erano rimedi, bisognava attendere che passasse il “bruciore” o se il morso continuava a far danno, ricorrere alla “Pizzica” ovvero alla musica che avrebbe cacciato il malessere. Si, il suono della pizzica aveva un segreto: riusciva per chissà quali vie misteriose ad agire sul corpo e sull’anima “dell’indemoniata”  e portava via tristezza e problemi. Il gesuita Athanasio Kircher, inviato dal re di Napoli per cristianizzare le cosiddette “Indie di quaggiù”, venne a conoscenza del “Tarantismo” nel Salento e comprese il valore terapeutico della musica all’interno del rituale.      Egli stesso trascrisse, nel 1673, l’”Antidotum Tarantulae” (l’antidoto contro il veleno della lycosa tarentula), lo inserì nel “Phonurgia” e lo catalogò come Iatromusica (musica curativa).

 

Gabriele Aloisio,  5B,

Secondo Istituto Comprensivo Statale di Ceglie Messapica (BR)

Scuola Primaria ‘Giovanni XXIII’

31 voti totali
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724 - Privacy Policy
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account