L’Immigrazione

L’immigrazione è il trasferimento permanente o temporaneo di singoli individui o di gruppi di persone in un paese o luogo diverso da quello di origine. Si abbandona il proprio paese per trovarne uno in cui vivere meglio, trovare un lavoro e creare una famiglia. Per fare ciò gli immigrati affrontano ogni giorno diverse sfide per sopravvivere e per riuscire nel loro intento, spesso con risultati negativi. I motivi di queste immigrazioni sono dovuti a guerre, dittature o catastrofi naturali. Per spostarsi da un Paese all’altro utilizzano piccole imbarcazioni non confortevoli. Molti immigrati provengono da dal Medio-Oriente o dall’Africa. Il numero dei migranti che perdono la vita nel viaggio dall’Africa subsahariana verso l’Europa è tristemente in aumento.  Attraversano il Mediterraneo per arrivare in Europa e non sono sempre accolti al meglio. Gli abitanti di una nazione hanno molte delle volte paura, non sapendo che di differente da noi hanno solo la carnagione. La Dichiarazione Universale dei diritti umani afferma che ogni uomo ha il diritto di vivere e di rifugiarsi in altri paesi in caso di bisogno. Questo diritto non viene quasi mai rispettato; si accolgono con disprezzo e molto spesso non sono neanche voluti perché si pensa che provochino solo problemi. Alcune nazioni hanno negato la loro apertura all’accoglimento di queste persone. La Costituzione italiana afferma che davanti alla legge si è sempre uguali e io non vedo il motivo di trattarli diversamente da come veniamo trattati noi. Il numero di immigrati è intorno ai 42/60 milioni. Il numero di immigrati presente in Italia è pari a 8 per ogni comune e se solo si potesse fare così si affronterebbe il problema omogeneamente.  L’immigrazione in Italia è un fenomeno relativamente recente dalla data dell’unità del 1861, che ha cominciato a raggiungere dimensioni significative all’incirca dagli anni settanta, per poi diventare un fenomeno caratterizzante della demografia d’Italia nei primi anni del terzo millennio. Secondo le definizioni fornite dall’ISTAT, la popolazione immigrata non va confusa con la popolazione straniera: la popolazione immigrata è composta da tutti i residenti che sono nati all’estero con cittadinanza straniera, anche se hanno successivamente acquisito la cittadinanza italiana; mentre la popolazione straniera è composta da tutti i residenti che hanno cittadinanza straniera, anche se sono nati in Italia.  In conclusione l’immigrazione è un fenomeno che va seguito con più sensibilità e attenzione

in modo da poter ridurre il problema nel modo adeguato.

Leonardo D’Armento 3^ C

12 voti totali
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724 - Privacy Policy
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account