REAGIRE E PREVENIRE

Sono frequenti i casi di incidenti sul punto di lavoro che portano a infortuni e talvolta vittime,  o vengono trascurate portando a gravi conseguenze. Nonostante ciò, raramente vengono presi provvedimenti: un caso lampante è l’esposizione sprovveduta di agenti chimici, polveri e mutageni altamente nocivi all’aria aperta, senza coperture e spesso nelle immediate vicinanze di centri abitati. Possiamo prendere in esempio il celebre caso dell’ILVA, in particolare la sede di Taranto, dove si sono riscontrati numerosi episodi di gravi patologie alle vie respiratorie e hai polmoni che spesso hanno riportato danni fatali agli abitanti della zone e soprattutto ai dipendenti, esposti costantemente alle polveri e agli agente fisici e chimici presenti nella struttura. Sono state presentate nel 2012 due perizie che accusavano i dirigenti di disastro colposo e doloso, avvelenamento e inquinamento.

Questa è una vicenda tuttora irrisolta e soggetto di numerose indagini e processi penali; a dimostrazione dei mancati provvedimenti da dover prendere per una problematica talmente evidente e palese.

Per far ricorso a questa situazione tragica la prevenzione intesa come complesso di misure da attuare al fine di anticipare il potenziale sviluppo di un pericolo parte da un’attenta valutazione dei possibili rischi presenti e passa attraverso l’elaborazione del Documento di Prevenzione fino ad arrivare alla progettazione di un vero e proprio studio programmatico, rivolto a monitorare, mantenere e migliorare nel tempo le condizioni di sicurezza all’interno di un’azienda.

DANILO DI CATERINO 3H Liceo Fermi Bari

0
0 voti totali
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account