Mia o di nessuno

Se in passato la donna era considerata inferiore agli uomini, oggi molte vengono considerate di loro proprietà. È il caso delle vittime di “femminicidio”, ossia la forma estrema di violenza contro le donne, prodotta dalla violazione dei diritti umani in ambito pubblico e privato. Le recenti statistiche evidenziano che il numero delle vittime di femminicidio in tutto il mondo si aggira intorno a 66.000 all’anno; l’autore, in circa la metà dei casi, è il partner o l’ex. In Italia, nel 1991, è stata uccisa una ragazza, Santa Scorese. Lei, afferma sua sorella Rosa Maria, era una persona semplice e ordinaria che voleva solo vivere seguendo il Vangelo, dedicandosi ai poveri, agli ultimi, e alla sua vocazione spirituale. Intanto un giovane squilibrato cominciò a minacciarla e dopo anni di ossessivi pedinamenti, nella tarda serata di venerdì 15 marzo 1991 la colpì mortalmente. Aveva solo 23 anni! All’epoca dei fatti narrati non esisteva il reato di stalking, pertanto era difficile difendersi da molestatori assillanti. Oggi, invece, le donne possono avvalersi di leggi che le proteggono e le difendono, purché trovino il coraggio di denunciare fin da subito tali soprusi. I diritti delle donne sono una responsabilità di tutto il genere umano; rafforzare il loro potere d’azione significa progresso per tutti.

 

Classe II B

16
16 voti totali
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account