PAOLO MARCONE AGLI STUDENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA SAN PIO X: “LO STATO SIAMO NOI”.

Il giorno 10 Marzo 2018 alle ore 8:45, presso l’8° circolo San Pio X Foggia, Paolo Marcone insieme ad uno degli amici d’infanzia di suo padre di nome Gerardo hanno parlato della vita di Francesco Marcone. Il sig. Gerardo ha parlato della sua infanzia trascorsa con Marcone e dei giochi di quell’epoca. Sono cresciuti all’Oratorio di Don Orione della chiesa di Gesù e Maria, dove si imparava l’amicizia, la pace e la solidarietà. Praticavano diversi sport come basket, ping pong e si divertivano ad andare in bici presso la stazione di Foggia. Francesco Marcone aveva due figli: Paolo e Daniela. Paolo come il padre lavora all’Agenzia delle Entrate di Foggia. Ha parlato tanto di suo padre, cominciando col dire che era nato a Foggia nel 1935 e che fu ucciso il 31 marzo 1995 nel portone di casa sua con due colpi di pistola, colpito alle spalle, perchè aveva scoperto e denunciato alcune truffe nell’ambito del suo lavoro. Subito dopo la morte di Marcone, la famiglia assunse un primo investigatore, il quale nell’arco di otto mesi non riuscì a scoprire nulla. In seguito affidarono le ricerche dell’assassinio ad uno più esperto, che incominciò a far domande senza ricevere nessuna risposta dalla gente, che aveva paura di essere uccisa. Paolo ha detto che questa si chiama “OMERTA’ “. Il dottor Francesco Marcone aveva dedicato la sua vita a garantire il rispetto delle leggi e contrastare l’illegalità. Con la propria vita ha dato un esempio di coraggio e di correttezza, insegnando a tutti a vivere nell’onestà. Paolo Marcone ha parlato di “LIBERA. ASSOCIAZIONE, NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE” fondata nel 1995 da Don Luigi Ciotti, con lo scopo di combattere le mafie e promuovere legalità e giustizia. Vicepresidente di “LIBERA” è Daniela Marcone sorella di Paolo. Inoltre Paolo ha parlato delle varie organizzazioni criminali presenti in alcune regioni, ognuna con un nome diverso. Quella della Sicilia si chiama “Cosa Nostra” dove sono state uccise 472 persone, “Camorra” in Campania con 482 persone, ” ‘Ndrangheta in Calabria con 184 vittime e S.C.U. (Sacra Corona Unita) in Puglia, facendo 35 morti. I bambini uccisi dalla mafia sono 82. Successivamente facendo delle domande a Marcone si è saputo che la Mafia ha paura dei ragazzi che hanno cultura e si rafforza di quelli senza. A conclusione delle domande Paolo ha detto: “IO HO IL CORAGGIO DI ESSERE UN UOMO LIBERO”. Questo incontro si è tenuto in vista della giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti della mafia che si svolgerà il 21 marzo a Foggia e in contemporanea in migliaia di luoghi in tutta Italia, Europa e America latina. Prevede in mattinata una manifestazione in corteo per le vie della città. Nel pomeriggio sono organizzati incontri presso le scuole cittadine. A conclusione del corteo verranno letti i nomi delle vittime della mafia da parte dei lori familiari e membri delle istituzioni.

 

Dario Casamassima -Ludovica Cicconetti -Francesca D’Ecclesia-Claudio Lorusso-Alessia Mancini-Christian Scopece

Clase V E

15 voti totali
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724 - Privacy Policy
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account