ALLARME NUOVE GENERAZIONI: NON SI VIVE SENZA CELLULARE!

L’uso sproporzionato degli smartphone ha causato col passare del tempo una vera e propria dipendenza che riguarda la società moderna e quella futura.

Il cellulare viene usato ovunque, trasmette a noi giovani un senso di sicurezza e permette di essere raggiungibile in ogni momento della giornata. Tale strumento è essenziale per la vita moderna, ma comporta anche numerosi problemi che affliggono la società. Uno di questi è appunto l’ossessione di possederlo e usarlo. Il cellulare scarico può portare a uno stato di depressione della persona dipendente e per tali situazioni e anche per comodità, sono stati inventati e sperimentati vari modi per il caricamento dell’apparecchio. Da un sondaggio risulta che 7 ragazzi su 10 hanno sempre il cellulare fra le mani, ciò porta a una costante assenza mentale della persona interessata, ad un impoverimento del bagaglio lessicale. Oggi l’ossessione del cellulare è diventata una patologia che prende il nome di “nomofobia”: timore ossessivo di non esser raggiungibili al telefono cellulare. Nasce quando ad esempio, si ha la batteria scarica, non si ha credito sufficiente o quando non si ha tempo di trovare il proprio cellulare. Ci sono tanti altri problemi inerenti all’argomento e per questo sorge una domanda: come fare a “disintossicarsi?” Forse basterebbe porsi dei limiti o cercare di non controllare ogni due o tre minuti il telefono con “la speranza” di una notifica! Ma per quale motivo si dipende da un apparecchio elettronico, che non sempre è attendibile? Forse noi ragazzi non siamo più in grado di comunicare come si faceva una volta, di dire una frase senza avvalerci di questo strumento col quale ci identifichiamo. Come esempio si potrebbe parlare della canzone uscita quest’anno “L’esercito del selfie” che, indirettamente parla dell’assenza di una ragazza presa dal cellulare. Insomma, è uno strumento che vive con noi, che ha il potere di impigrirci e di colmare tutti i nostri desideri. E tutto questo drammaticamente sembra passare inosservato. Dovremmo incominciare a non soffermarci alle apparenze e a capire che oltre ad uno schermo c’è altro nel Mondo!

Flavia Lamacchia 3^A

1
1 voti totali
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account