La pedofilia, una piaga sociale sempre più diffusa

Recentemente degli studi hanno dimostrato che il fenomeno della pedofilia è sempre più in aumento. Quanta piccolezza c’è nella vita di chi finge amore verso un bambino solo per arrivare a realizzare i suoi scopi? L’ultimo decennio si è distinto, proprio grazie alle continue scoperte tecnologiche, per la varietà di approcci con i quali gli adescatori contattano i minorenni attraverso i social network. Non possiamo non menzionare l’incesto. Questo fenomeno si sviluppa soprattutto nei paesi asiatici e dell’Africa, luoghi in cui la donna non ha un effettivo ruolo nella società. In Italia invece questa piaga vede coinvolti familiari che avvicinano i bambini per anni con il solo scopo di riuscire ad approfittare di loro, avendo ormai ottenuto una totale influenza psicologica. Cos’è quindi la pedofilia? E’ il desiderio erotico verso i bambini ed è penalmente perseguibile. Un peccato similare fu citato da Dante nella “Divina Commedia” ed è proprio il poeta a condannare come frode più brutta proprio quella fatta ai danni di chi si fida di noi. Dante nel Canto 32 dell’Inferno punisce questo peccato con l’immersione dei dannati nel ghiaccio, che poi ritroviamo nei cuori di queste persone che lederanno per sempre l’innocenza di un bambino. Si usa il termine “per sempre” perché la loro vita subisce un cambiamento che si prolungherà per tutta la loro esistenza. Questi abusi causano danni come l’emarginazione sociale e problemi psichici a volte molto gravi; Come si può combattere questa piaga cosi grande? Fortunatamente i controlli degli organi competenti, come polizia postale e forze dell’ordine, si sono molti intensificati e associazioni come il telefono azzurro, l’ANVA e l’ONLUS sono sempre pronti per contrastare tempestivamente questo fenomeno. Tuttavia questi interventi molte volte non vengono fatti in tempo ed è qui che la famiglia e la scuola assumono un ruolo fondamentale. La scuola spesso riesce ad individuare i bambini vittime di violenza e riesce a comunicare alle famiglie eventuali atteggiamenti emarginanti. I genitori invece sono gli unici in grado di rassicurare il piccolo quando si sente minacciato. Il rispetto verso il bambino e la sua intimità sono il modo migliore per insegnare al proprio figlio a reagire in caso di pericolo. Un modo fondamentale per riuscire a prevenire questo fenomeno è quello di controllare le persone che il bambino frequenta, in quanto per via del lavoro gli adulti affidano i bambini a gente poco affidabile e che si approfitta di loro. Vale la pena dedicare più tempo ai propri figli e educarli a una maggiore consapevolezza della vita, per evitare questo fenomeno sempre più in diffusione.
Sarah Caroppo
Classe III B Inf – I.I.S.S.”Del Prete-Falcone”-Sava(TA)

19 voti totali
Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724 - Privacy Policy
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account