I GIOVANI E I DIRITTI PER I MINORI

I diritti sono leggi che permettono ai minori di poter essere protetti e di avere un’infanzia serena e felice. La Convenzione ONU sui diritti dell’ infanzia fu approvata dall’Assemblea  Generale  delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989. Essa esprime un consenso  su quali sono gli obblighi degli Stati e delle Comunità Internazionali nei confronti dell’infanzia. Tutti I paesi del mondo ad eccezione degli Stati Uniti, hanno ratificato questa Convenzione. La Convenzione è stata confermata dall’Italia Il 27 maggio 1991. I diritti dei minori  sono garantiti da leggi e regolamenti che uno Stato ha in vigore nel testo chiamatosi “Costituzione”, un libro  che ne regola le norme, da Enti e associazioni tra cui  l‘UNICEF che ha il compito di favorire l’applicazione  della convivenza nel mondo. L‘UNICEF,da sempre accanto ai diritti di base dei più giovani, si è impegnata a difendere i bambini, ovunque e in tutte le situazioni, lottando per il diritto di vivere. Essi consistono nella possibilità di godere del tempo libero, avere la libertà  della parola, accedere all’istruzione, di avere un infanzia sana e felice. Inoltre i diritti  non possono essere separati dalle nostre responsabilità e dei nostri  doveri verso gli altri.

La Convenzione  delle Nazioni Unite esprime il punto di vista dei diritti, ma non possiamo dimenticare la prospettiva dei doveri. Tradizionalmente, i minori erano ritenuti incapaci di sostenere i propri diritti, perché privi di parola. L’autorità dei genitori, sopratutto la potestà  materna, erano quasi indiscutibili. Successivamente  i bambini hanno cominciato ad essere tutelati. La prima Carta Internazionale Sui Diritti  dei Minori  ha messo in gran risalto   l’idea di una particolare protezione da offrire  in considerazione  della debolezza  di bambini ed adolescenti rispetto al mondo  degli adulti che li circonda. Nel 1924 la Dichiarazione di Ginevra, riassumeva la tutela giuridica  del minore  facendo riferimento  a cinque principi corrispondenti  ad altrettanti diritti: il diritto a sviluppare il fisico  e la mente, ad essere nutrito , curato,  aiutato se orfano. Un diritto inalienabile è quello alla vita che ogni essere umano  “possiede“. Altri  diritti  molto importanti sono il diritto alla salute, all’istruzione, ad un nome e alla parola, nel senso di libera espressione del pensiero. Il diritto che ha suscitato un interesse particolare è stato quello alla relazione con gli altri. Viviamo in un mondo dove c’è chi veste in modo differente da noi, chi ascolta una musica o si diverte in un modo originale rispetto al nostro, chi ha possibilità economiche maggiori delle nostre. Sopratutto tra giovani si formano gruppi composti da ragazzi che si regolano ad un modello ben definite e per far parte di una compagnia, spesso è necessario adattarsi, invece per chi vuol mettere in risalto il proprio carattere rischia di essere escluso  e di di rimanere isolato. Secondo me, quando si esclude una persona o è la persona ad escludersi, potrebbe sembrare una cosa negativa, ma per rimanere se stessi è preferibile andar da solo per la propria strada, piuttosto che unirsi ad un gruppo solo per il piacere di esserci.

Il diritto che li racchiude tutti è quello alla FELICITÁ.

De Nicolo Maria Lucrezia,   1^  O

13 voti totali
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724 - Privacy Policy
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account