Radio Caterina emette suoni di libertà nel campo della morte

Il 27 e 28 gennaio 2018, alla Società Operaia di Martina Franca, la regista, Giuliana Satta, è riuscita a far recitare un gruppo di ragazzi in uno spettacolo teatrale davvero coinvolgente e emozionante. Ha spiegato loro tutto riguardo la Seconda Guerra Mondiale, facendo comprendere la sofferenza profonda dei bambini, dei giovani e degli anziani ebrei che vivevano a quel tempo. La costumista, Annalisa Milanese, ha realizzato più di 30 capi per gli attori. Elina Semeraro, l’aiutante regista e insegnante di movimento scenico, ha dato ai ragazzi i consigli utili per recitare al massimo delle loro capacità. Lo spettacolo è piaciuto molto alle persone e alle classi che sono venute a vederlo e che sono diventate vere e proprie comparse! La musica e le canzoni hanno creato un’atmosfera di tristezza, ma anche di allegria, in un campo di concentramento, dove dei ragazzi decidono di costruire una radio con i pochi materiali che riescono a trovare in giro.

Il titolo dell’opera teatrale è “Caterina e le altre”. Caterina è il nome che questi ragazzi ebrei danno alla radio in modo da poterne parlare senza essere scoperti dai tedeschi. La radio, per i ragazzi e per tutti i deportati del campo, rappresenta una salvezza perché, grazie a lei, essi scoprono cosa succede nel mondo e capiscono quando le forze armate verranno a salvarli.

 

Giacomo A. e Simone B.

5^C

Scuola primaria

I.C. “A.R. Chiarelli”

4 voti totali
Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724 - Privacy Policy
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account