Il secondo Medioevo musicale

Al giorno d’oggi il declino della popolarità della musica classica tra i giovani è sempre più eclatante ed è anche vero, purtroppo, che chi ha gusti diversi da quelli della massa può addirittura essere emarginato e considerato “antico”. Ma quello che forse non è risaputo tra teenagers è che tutta la musica odierna, nello specifico la musica rap, riduce e semplifica schemi ritmici e melodici esattamente come succedeva, chiaramente in contesti e con musicalità diverse, con la musica medievale, come per esempio con i canti gregoriani: è possibile individuare caratteristiche comuni ad entrambi i generi, nonostante i secoli che li separano, come la presenza di melodie semplici e di modelli ritmici ripetitivi. Verso la fine dell’Età Medievale, invece, si sono scoperte e si sono cominciate ad adottare strutture sempre più complesse e complete – basti pensare alla polifonia e, in seguito, alla conseguente nascita dell’armonia – che hanno dato vita a opere maestose e capolavori senza precedenti. Oggi sembra che la musica stia ritornando agli antichi schemi medievali e stia perciò subendo una tendenza regressiva. Forse la nostra epoca potrà in futuro essere considerata un “secondo Medioevo” nella storia della musica ed evidentemente i giovani non sanno che “gli antichi” potrebbero essere loro, che farebbe bene a tutti ascoltare della sana musica classica, sempre foriera di sentimenti positivi, vero anello di congiunzione tra tutti gli uomini.

 

De Gregorio Fabio –  Classe 3H – L.S.S. “Enrico Fermi”, Bari – 21/04/2018

2 voti totali
Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724 - Privacy Policy
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account