Risparmi a rischio

La devastante crisi finanziaria globale, che dal 2007 ha messo in ginocchio l’Europa e continua a farsi sentire prepotentemente nel nostro Paese, ha causato una forte sfiducia dei cittadini nei confronti delle banche, soprattutto dopo gli ultimi casi di fallimento che hanno coinvolto colossi dell’economia italiana. Sembra assurdo che oggi, nel XXI secolo, la gente si veda costretta ad un ritorno alle tecniche del risparmio autogestito, come altrettanto sconcertante è il fatto che l’alternativa più sicura sembri davvero essere l’escogitare un nascondiglio impensabile per tenere nascosto il proprio gruzzoletto, messo da parte con fatica e sudore, ed assicurarsi che resti lontano dai pericoli. Eppure, non si può neanche trascurare un dato importante come quello dell’aumento dei furti nelle abitazioni private, soprattutto nelle zone del Sud Italia.

A questo punto la domanda sorge spontanea: ma quindi, dove possiamo conservare i nostri soldi, senza doverci preoccupare del rischio di perderli da un momento all’altro?

Probabilmente, per il momento non c’è una vera e propria soluzione, se pensiamo anche alla situazione politica traballante e incerta in cui l’Italia si trova. Certo è che le banche nascono con l’intento di fornire un servizio alla comunità, e con il proposito di essere un punto di riferimento affidabile per i propri clienti; per questo motivo è importante che, dopo questo duro colpo, si risollevino in fretta e si rimbocchino le maniche per affrontare la situazione, riguadagnando la stima dei risparmiatori e degli investitori.

Chi gestisce i soldi di tante persone ha una grande responsabilità, perché dietro quelle somme di denaro, apparentemente insignificanti, si nascondono progetti e sogni, desideri e sacrifici, il lavoro di una vita intera di chi con dedizione ha dovuto mettere da parte uno spicciolo alla volta nella speranza di vederli fruttare, e di cui speculatori e truffatori non hanno il diritto di appropriarsi arbitrariamente.

 

Martina Varriale IV M

Liceo Scientifico Statale E. Fermi Bari

 

0 voti totali
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724 - Privacy Policy
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account