Per un risparmio più sicuro

La crisi economica mondiale avvenuta nel 2008, odiernamente superata per quanto riguarda azioni ed investimenti, ha lasciato un’indelebile traccia nella mente dei risparmiatori, i quali hanno perduto fiducia nei mercati finanziari.

Questi ultimi sono risultati inaffidabili e difficili da prevedere, a tal punto che numerosi clienti di banche ed imprese hanno deciso di ritirare il proprio denaro e autogestirlo in casa. Chiaramente tale metodo non è il migliore da adottare per preservare i soldi guadagnati con tanto lavoro, poiché la responsabilità sui risparmi ricade esclusivamente su di sé ed in caso di furti nelle abitazioni non è previsto alcun tipo di risarcimento; inoltre senza depositare il denaro nelle banche non vi è alcuna possibilità che esso possa fruttare degli interessi anche minimi.

Le autorità europee, dopo essersi rese conto della situazione problematica, hanno introdotto il MIFID II – Markets in Financial Instruments Directive – ovvero un insieme di norme volte a rendere trasparenti le operazioni finanziarie. Alcuni dei provvedimenti presi all’interno di codeste normative impongono ai protagonisti dei mercati – detti broker, cioè intermediari – di svolgere ogni transazione su piattaforme pubbliche e regolamentate affinché sia possibile consultarle in caso di necessità, di mostrare in modo chiaro i costi e le modalità di pagamento, di conservare ogni comunicazione interna ed esterna con la clientela e di limitare il trading privato per favorire il mercato pubblico. Il MIFID permette alle autorità finanziarie di informarsi ed intervenire tempestivamente in caso di movimenti sospetti nei mercati, così da tutelare adeguatamente investitori e loro risparmi.

In Italia tali norme sono in vigore dal 3 gennaio del 2018 e, nonostante le lamentele delle banche e delle aziende per le spese che la loro introduzione ha comportato, esse rappresentano un passo fondamentale per il miglioramento del nostro delicato sistema economico, che possa in futuro garantire sicurezza e ispirare fiducia ai propri clienti.

Sabrina Romanazzi

3^H

Liceo scientifico E. Fermi

1 voti totali
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account

ATTENZIONE: LA VOTAZIONE DEGLI ARTICOLI INSERITI NEI BLOG È TERMINATA ALLE ORE 23 DEL 13 MAGGIO 2018
Hello. Add your message here.