UNO SCRITTORE FRA NOI: NICOLA BRUNIALTI

L’incontro con l’autore è sicuramente un mezzo efficace per avvicinare i ragazzi ai libri e farli loro apprezzare. La possibilità di interloquire con la persona che ha effettivamente pensato e scritto le storie contenute nei libri letti, è un’esperienza difficilmente sostituibile. L’incontro con l’autore lascia sempre nei ragazzi il ricordo di una giornata speciale e facilita la diffusione dell’entusiasmo verso la lettura.

È ciò che è avvenuto lunedì 26 aprile, quando gli alunni delle classi seconde della Scuola Media “Battisti-Ferraris” hanno incontrato presso le Vecchie Segherie di Bisceglie, Nicola Brunialti, autore del libro “Alicia faccia di mostro”, letto durante l’anno scolastico.

Nicola Brunialti, romano, classe 1972, da diversi anni lavora per le più importanti agenzie pubblicitarie, scrivendo spot per la Crodino, Q8, Telecom, Sanbitter e diverse altre ed è anche tra gli autori della fortunatissima trasmissione “Chi ha incastrato Peter Pan”. Nipote d’arte (è il pronipote di Alessandro Manzoni), ha coltivato la passione per la scrittura pubblicando più di venti romanzi per ragazzi a partire dal 2005.

Jeans, maglietta, sorriso accattivante e inconfondibile accento romano. Così si è presentato lunedì mattina ad un pubblico di più di 200 ragazzi che, emozionati e entusiasti, attendevano di conoscere l’autore del libro che ha accompagnato per mesi le loro giornate scolastiche.

 “Alicia faccia di mostro” racconta la storia di una dodicenne che nasconde dietro ai lunghi capelli neri una cicatrice che le attraversa il viso da cima a fondo per venti centimetri. A scuola i compagni la chiamano “faccia di mostro” ed ogni occasione è buona per prenderla in giro, coprirla di epiteti, additarla. A lei non resta che rinchiudersi in se stessa e piangere nella sua cameretta. Inoltre l’incidente che all’età di tre anni aveva causato ad Alicia questo sfregio le ha lasciato anche dei terribili mal di testa che per più giorni la settimana la torturano. In classe è relegata nell’ultimo banco in compagnia della solitudine e della tristezza. Ma un giorno arriva nella scuola un nuovo compagno, molto carino, che va ad occupare il banco accanto al suo, Tommy Wizard. Per lui Alicia non è un mostro e non ha paura della sua cicatrice, anzi anch’egli è pieno di cicatrici sul corpo frutto di cadute dalla bici e capitomboli vari. I due diventano amici ed iniziano a studiare insieme. La ragazza si sente più sicura e per lei è una gioia il poter frequentare qualcuno che non la considera un mostro.

“C’è chi è diverso, chi è un po’ diverso e c’è chi è molto diverso, ma chi è uguale non c’è, non c’è mai stato, né mai ci sarà” è il messaggio che l’autore ci ha voluto trasmettere: superare le fobie, accettarsi e riporre fiducia nell’amicizia sono state le parole d’ordine che ci hanno guidato durante quest’incontro.

Con la sua simpatia, Nicola ha parlato un po’ di sè e di come le vicissitudini della sua vita abbiano inciso nella realizzazione di questo libro e di gran parte degli altri che ha pubblicato. Ha instaurato un vero e proprio dialogo con tutti i ragazzi presenti, molti dei quali hanno raccontato la loro storia e parlato delle loro “cicatrice”, perché se c’è qualcosa che questo libro ci ha insegnato è che i mostri in realtà sono le paure che ci tengono prigionieri e “ che l’apparenza non conta proprio un bel niente.[…] L’unica cosa che conta è  non essere brutti di cuore!”

Flavio Casella,  2^ O

8 voti totali
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Edisud S.p.A., Piazza Moro 37, 70122 Bari, Cap. Soc. € 5.000.000,00 I.V. REA Bari n.192794 Iscr. Trib. Bari Reg. Soc. N. 12372 El. 1/81 P.I.e c.f. 02492480724
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account

ATTENZIONE: LA VOTAZIONE DEGLI ARTICOLI INSERITI NEI BLOG È TERMINATA ALLE ORE 23 DEL 13 MAGGIO 2018
Hello. Add your message here.